[Old Firm] Blizzard Entertainment


Anche il 2021 ha la sua bella dose di anniversari importanti e in questo mese di Febbraio ricorre il 30° compleanno della Blizzard Entertainment, fondata nel 1991 con il nome di Silicon & Synapse.

Nei primi anni di vita la Blizzard, come molte altre startup si dedicò alla conversione di giochi di altri, come Battle Chess, Battle Chess II e J.R.R. Tolkien’s The Lord of the Rings, Vol. I. Ancora con il vecchio nome pubblicò i primi giochi in proprio nel 1993 con Rock ‘n Roll Racing e il coloratissimo The Lost Vikings. Nel 1994 ci fu il primo evento degno di nota, quando la Davidson & Associates comprò l’azienda per circa 10 milioni di dollari. Nacque anche un nuovo nome, Chaos Studios che venne presto cambiato in Blizzard Entertainment.

Con il nuovo nome arrivò il primo grande successo che rappresenterà sempre il principale asset dell’azienda, Warcraft: Orcs & Humans, un raffinato RTS che diventerà negli anni un punto di riferimento del genere e un fenomeno di costume. Dopo la pubblicazione del seguito, Warcraft II: Tides of Darkness nel 1995 la Blizzard acquisì nel 1996 la Condor Games intenta nello sviluppo di Diablo e la rinominò Blizzard North, facendone la sua divisione legata allo sviluppo, mentre la casa madre, Davidsonn & Associates venne acquistata dalla CUC International assieme alla Sierra.

Nel 1997 con Diablo, la Blizzard ottenne un altro enorme successo e aprì ufficialmente Battle.net per il gioco online; dal punto di vista aziendale continuarono gli avvicendamenti: lo stesso anno la CUC si unì alla HFS a formare la Cedant Software e l’anno successivo la Blizzard fu venduta alla Havas, da poco acquistata dalla Vivendi.

Nel frattempo procedeva lo sviluppo di giochi, cercando di prediligere alla quantità la qualità: la strategia pagò e negli anni la Blizzard divenne apprezzatissima per giochi come StarCraft (1998), Diablo II (2000) e Warcraft III: Reign of Chaos (2003).

La Blizzard entrò ancor di più nell’olimpo delle software houses con la pubblicazione di World of Warcraft (2004), il più grande MMORPG ai tempi. Nel 2008 lasciò la casa madre Vivendi per unirsi alla Activision e continuò con la promozione di World of Warcraft pubblicando costantemente espansioni. L’ultimo successo non legato a WoW è Overwatch, FPS uscito nel 2016.


Even 2021 has its good share of important anniversaries and this very month we celebrate the 30th anniversary of Blizzard Entertainment, founded in 1991 as Silicon & Synapse.

In the first years, Blizzard as many other start ups focused primarily on conversions of third party games, like Battle Chess, Battle Chess II and J.R.R. Tolkien’s The Lord of the Rings, Vol. I. Always with their old name they published their first games in 1993, Rock ‘n Roll Racing and the colourful The Lost Vikings. In 1994 the first noteworthy event happened, when Davidson & Associated bought the company for slightly less than 10 millions. A new name was given to the company, Chaos Studios, immediately canned in favor of Blizzard Entertainment.

With the new name the first big success arrived, that will always represent the main asset of the company, Warcraft: Orcs & Humans, a refined RTS that will become in the future a reference point in the genre and a cuòtural phenomenon. After the release of the sequel, Warcraft II: Tides of Darkness, in 1995 Blizzard acquired in 1996 Condor Games, intent on working on the development of Diablo and rebrand it as Blizzard North, making it their development branch, while the parent company, Davidson & Associates got acquired by CUC Internationsl together with Sierra.

In 1997 with Diablo, Blizzard got another huge success and officialy christened Battle.net for anline gaming; in the meantime, alternation continued: the same year CUC merged with HFS to become Cedant Software and the following year, Blizzard got solf to Havas, in turn acquired by Vivendi.

The development of new games proceeded, always focusing more on quality then on quantity: the strategy paid and during the years Blizzard became highly appreciated for games like StarCraft (1998), Diablo II (2000) and Warcraft: Reign of Chaos (2003).

Blizzard entered in the olympus of software houses with the release of World of Warcraft (2004) the biggest MMORPG at the time. In 2008 abandoned Viventdi to merge with Activision, and continued promoting WoW constantly publishing new expansions. The last success not tied to WoW if the FPS Overwatch, released in 2016.

Follow I ❤ Old Games on Facebook!

…and also I ❤ Old Games on Instagram!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.