[RetroConsole] 25 years of PlayStation


The story of the present and the future of the video games starts today. Or better started today 25 years ago when on December 3rd, 1994 in Japan the PlayStation was first unveiled, a console with which an outsider – a huge outsider – like Sony capitalized the failed cooperation with Nintendo, revolutionizing, maybe unexpectedly, the world of the consoles and of the entertaiment forever.


La storia del presente e futuro dei videogames inizia oggi. O meglio inizia oggi di 25 anni fa, quando, il 3 Dicembre 1994 in Giappone fu svelata per la prima volta al mondo la PlayStation, la console con la quale un’outsider – di lusso – come Sony metteva a frutto la collaborazione fallita con Nintendo, rivoluzionando, forse in modo inaspettato, il mondo delle console e dell’intrattenimento per sempre.

The story in a nutshell

The liaison between Sony and videogames has deep roots. In 1988 already they made an agreement with Nintendo to develop an audio chip for a new version of the SNES, the Super NES CD-ROM. Thje contacts between the thwo companies continued and when the optical technology became cheaper and it looked like it would have been the future, Sony develop for Nintendo a prototype of an optical console, called Nintendo PlayStation and goth the right to develop a proprietary add-on compatible with the SNES. When in 1991 the SNES-CD is due to be presented at CES, Yamauchi, CEO of Nintendo, reads the contract with Sony and realizes that they could have had the full control over the software released for the platform, something totaly unacceptable for Nintendo. Suddenly the contract are broken and Sony is left with a project and a decision to take: the intention to give up is overtaken by the desire to capitalize the progress made. When in 1993 Sony realizes that SNES technology is obsolete, they understand they have to break the partnership with Nintendo and rethink their console until the December 1994 debut.

There are many right choices Sony made that made the PS a success: first of all the optical support, a de facto standard that cut games production costs and generate bigger margins both for the company and for all of the games developers; moreover being an audio hub that allows the reproduction of audio-CD, the PS became also an home entertainment device separated by the concept of console for videogames that however could take advantage of an hardware capable of generation realistic 3D environments; last but not least the possibility to hack the console for a few quids so it can read non-original burned CDs, something that more than being a double edged sword for Sony was a bit of an hassle for games developers.

PSOne, released in 2000

La liaison di Sony con il mondo dei videogames ha radici lontane. Già nel 1988 stipulò con Nintendo un accordo per sviluppare un chip audio per la nuova versione dello SNES, il Super NES CD-ROM. I contatti tra le due aziende proseguono e quando la tecnologia ottica diventa più economica e sembra poter diventare il futuro, Sony sviluppa per Nintendo un prototipo di console a drive ottico chiamata Nintendo PlayStation e ottiene il diritto di sviluppare un add-on proprietario ma compatibile con il SNES. Quando nel 1991 lo SNES-CD è sul punto di debuttare al CES, Yamauchi, CEO di Nintendo legge il contratto che lega Sony e Nintendo e comprende che Sony avrebbe il pieno controllo dei titoli sviluppati per la piattaforma, qualcosa di assolutamente inaccettabile. Improvvisamente i contratti vengono sciolti e Sony rimane con un progetto e una decisione da prendere: alla volontà di mollare tutto prevale il desiderio di mettere a frutto i progressi fatti. Quando nel 1993 Sony si rende conto che la tecnologia del Super Nintendo è ormai obsoleta si convince di dover abbandonare del tutto la partnership con Nintendo e ripensa completamente la propria console fino al debutto del Dicembre del 1994.

Sono molte le scelte azzeccate che rendono la PS un successo: innanzitutto il supporto ottico, ormai diventato uno standard che permette inoltre un abbassamento dei costo di produzione dei giochi e maggiori margini per la casa madre e per tutti coloro che vogliono sviluppare giochi per la console; inoltre essendo un hub audio che permette la riproduzione di CD, la PS diventa anche un sistema di intrattenimento domestico slegato dal concetto di console per videogames che potevano comunque contare su un hardware in grado di generare ambienti in 3D di buona fattura; ultimo (ma non certo meno importante) la possibilità per prezzi irrisori di hackerare la console per utilizzare CD masterizzati non originali che, più che essere un’arma a doppio taglio per Sony si rivelò un problema più per i produttori di giochi.

The heart

  • CPU: 32-bit RISC MIPS R3000A-compatible MIPS R3051 clocked @ 33.8688 MHz
  • MDEC (motion decoder) for FMV playback
  • RAM: 2 MB main, 1 MB video
  • Colors: 16.7 millions (True Color)
  • Sprites: 4,000
  • Polygons: 180,000 per second (textured), 360,000 per second (flat-shaded)
  • Resolution: 256×224 to 640×480 pixels (480i)
  • Sound: 16-bit, 24 channel ADPCM

 

The hands

For sure PS1 pads are some of the most influential controllers ever: if you consider all of the controllers available at the moment for other consoles, their shapes are deeeply tied to those of the PS1 ones. Although they can be considered an evolution of the SNES controllers with the addition of two more shoulder buttons and a more ergonomic design for which was easier to keep them in the hand without accidentally touching any button, their iconic shape proved to be extremely successful and if you look at the PS4 controller, released 20 years later, it’s still very similar to the original one. The very first specimen didn’t have the two analog sticks and it still is my favourite one (since I suck in playing games with the analog controller) even though the Dual Shock version with the two sticks and the force feedback soon became the most popular.

Di sicuro i pad della PS1 sono tra i controller più influenti di sempre: se si pensa a tutti i controller disponibili sul mercato anche per altre consoles, le loro forme sono profondamente legate a quelle dei pad PS1. Anche se possono essere considerati una evoluzione di quelli dello SNES, con l’aggiunta di due ulteriori tasti dorsali e con un design più ergonomico che li rendeva più semplici da tenere in mano evitando di schiacciare qualche tasto accidentalmente, la loro forma iconica fu alla prova dei fatti un gran successo e se fate caso al controller della PS4 realizzato 20 anni più tardi, è ancora molto simile all’originale per PS1. Il primissimo esemplare non aveva gli stick analogici ed è ancora il  io preferito (anche perchè faccio pena a giocare a giochi che prevedono l’analogico), anche se la versione Dual Shock con doppio analogico diventò rapidamente la più popolare.

The eyes

What made PlayStation a successful console was also the fact that it popularized 3D games. Although Nintendo 64 had been a pioneer in this field, the possibility to have a larger games library with a less expensive price and (most important) the possibility to use burned CDs for little money, game PlayStation a considerable advantage and, although today its 3D hasn’t aged very well, it can’t be denied that the transaition between 2D and 3D had in the PlayStation one of the protagonists.

PS GPU was capable to generate 16,7 millions colors, 4000 sprites and 180k polygons per second if textured or 360k if flat-shaded.

PS1 demoscene

Ciò che rese la PlayStation una console di enorme successo fu anche il fatto di aver reso popolari i giochi in 3D. Sebbene il Nintendo 64 sia stato un pioniere in questo ambito, la possibilità di avere a disposizione una libreria di giochi più ampia, con un prezzo minore e (cosa non da poco)  la possibilità di masterizzare decine di titoli per pochi soldi, dette alla PlayStation un vantaggio considerevole e, sebbene oggi il 3D della console non sia proprio invecchiato benissimo, non si può negare che la transizione dal 2D and 3D ebbe nella PlayStation uno dei protagonisti.

La GPU della PS era in grado di generare 16,7 milioni di colori, 4000 sprites e 180mila poligoni al secondo se textured o il doppio se flat-shaded.

The games

Wow, I think it’s gonna be pretty hard to condensate the hundreds of games released for the PlayStation, the importance of many of them, their sales records, the impact they had on the market and how they changed the video games world in a small paragraph of this commemoration of mine. A lot has been said about it, there have been thousands of lists of the best games, of the worst of the most influential and of the most originals. Every consideration is, of course, very personal, so before compiling my own personal shortlist of the must of the consoles I start as always with a more objective list, that of the best sellers:

  1. Gran Turismo (December 23, 1997) 10,85 millions
  2. Final Fantasy VII (January 31, 1997) 9,8 millions
  3. Gran Turismo 2  (December 11, 1999) 9,37 millions
  4. Tekken 3  (March 26, 1998) 8,3 millions
  5. Harry Potter and the Philosopher’s Stone (November 15, 2001) 8 millions
  6. Tomb Raider (October 25, 1996) 7,1 millions
  7. Final Fantasy VIII (February 11, 1999) 7 millions
  8. Crash Bandicoot (September 9, 1996) 6,82 millions
  9. Tomb Raider II (October 31, 1997) 6,8 millions
  10. Metal Gear Solid (September 3rd, 1998) 6 millions
Gran Turismo

If I had compiled a list with the games that surpassed the million of copies sold as I did with other successful consoles like the SNES, I would still be here writing, giving the fact that a whopping 114 games broke the barriers of the six figures sales. I limit myself to cite some of the most influent/famous/fondest games trying to include as many genres as possible.

Dino Crisis

I’ve never been a huge Tomb Raider fan nor a fan of defining PS1 platformers like Crash Bandicoot, Croc or Spyro so I can’t help but start this mini-list with Resident Evil 2 that stands in 16th place among the best selling games with 4,96 millions of copies sold (that put together  with the 3,5 millions copies of RE 3: Nemesis and 2,75 millions copies of RE give a total of 11,2 millions copies); the survival horror genre that was actually born with RE and is one of the most successful genres on the platform is well represented with tiles like Dino Crisis (32nd place and 2,4 millions copies), Silent Hill (42nd place pand 2 millions copies) e Parasite Eve (43rd place and 1,94 millions copies). Other noteworthy games are Rayman (20th place and 4 millions copies), Oddworld: Abe’s Oddysee (21st place and 3,5 millions copies) e Air Combat (35th place and 2,23 millions copies).

Driver

Another genre that found its affirmation on the PS is that of the racing/driving games strating with the best seller Gran Turismo, real icon of the subgenre it contributed to create and popularize and completed by Driver (2,85 millions copies), NFS 3: Hot Pursuit (1,7 millions copies), Test Drive 5 (1,08 millions copies) and Colin McRae Rally (1 million copies).

Final Fantasy VII

Actually the flagships of the console were the games of the Tomb Raider series that went on to became cultural phenomena and managed to made out of the character of Lara Croft a movie heroin, an influencer ante litteram, a style icon and a 360° persona; it reached such a success that could be compared the ubiquity of Pac-Man back at its release in 1980 or to Super Mario. Another successful franchise on the PS was that of Final Fantasy that has four games with more than a million copies sold: aside from the already cited FF VII, are present in the list FF VIII (7 milions copies), FF IX (5,08 millions copies) and FF Tactics (2,27 millions copies).

Gradius Gaiden

Aside from the big games and their big figures, the PS also had a countless number of games frequently forgotten or overshadowed but surely noteworthy: I cite only 5 of them but please consider them only the tip of the iceberg. Gradius Gaiden, Rapid Reload, Alundra, Heart of Darkness and Clock Tower; honorable mention for one of the weirdest games on the console, LSD Drema Emulator, I leave all the comments to you.

Rally X on Namco Museum Vol. 1

With PS1 the retrogaming phenomenon came to maturity, even though it already began on older consoles like Sega Mega Drive/Genesis: the most famous example is the compilation Namco Museum, a compendium of extraordinary value (that still has its success today) whose different volumes had a great success: Volum 3 went on to sell 2,27 millions copies while Volume 1 1,66 millions copies.

Tekken 3

Wow, penso sia impossibile condensare le centinaia di giochi rilasciati per PlayStation, l’importanza di molti di loro, i loro record di vendite, l’impatto che ebbero sul mercarto e come cambiarono il mondo dei videogiochi in un paragrafetto di questa mia rievocazione. Tanto si è detto e si è scritto, migliaia sono le liste dei migliori giochi, dei peggiori, dei più influenti e di quelli più originali. Ogni considerazione è, ovviamente, puramente soggettiva, quindi prima di stilare la mia brevissima lista di must della console, inizio, come di consueto con una lista più oggettiva, quella dei best sellers:

  1. Gran Turismo (December 23, 1997) 10,85 millions
  2. Final Fantasy VII (January 31, 1997) 9,8 millions
  3. Gran Turismo 2  (December 11, 1999) 9,37 millions
  4. Tekken 3  (March 26, 1998) 8,3 millions
  5. Harry Potter and the Philosopher’s Stone (November 15, 2001) 8 millions
  6. Tomb Raider (October 25, 1996) 7,1 millions
  7. Final Fantasy VIII (February 11, 1999) 7 millions
  8. Crash Bandicoot (September 9, 1996) 6,82 millions
  9. Tomb Raider II (October 31, 1997) 6,8 millions
  10. Metal Gear Solid (September 3rd, 1998) 6 millions
Gran Turismo 2

Se avessi compilato una lista con i giochi che hanno superato il milione di copie vendute, come fatto in occasione di altre console di successo come il Super Nintendo, sarei ancora qui a scrivere titoli, dal momento che ben 114 giochi hanno superato la soglia dei sei zeri. Mi limito quindi a citare alcuni dei più influenti/famosi/a me cari cercando di includere il maggior numero di generi possibili.

Silent Hill

Non sono mai stato grosso fan nè di Tomb Raider nè dei platformer che hanno definito la PS1 come Crash Bandicoot, Croc o Spyro quindi non posso che iniziare questa mini lista con Resident Evil 2, che figura al sedicesimo posto della classifica con 4,96 milioni di copie vendute (che messi insieme alle 3,5 milioni di Copie di RE3: Nemesis e le 2,75 milioni di copie di RE fanno un totale di 11,2 milioni di copie); il genere survival horror che proprio con Resident Evil prende ufficialmente il via ed è uno dei generi di maggior successo della piattaforma, presenta in classifica altri nomi eccellenti come Dino Crisis (trentaduesimo posto e 2,4 milioni di copie), Silent Hill (quarantaduesimo posto e 2 milioni di copie) e Parasite Eve (quarantatreesimo posto e 1,94 milioni di copie). Altri titoli degni di nota sono Rayman (ventesimo posto e 4 milioni di copie), Oddworld, Abe’s Oddysee (ventunesimo posto e 3,5 milioni di copie) e Air Combat (trentacinquesimo posto e 2,23 milioni di copie).

Need for Speed 3: Hot Pursuit

Un altro genere che trovò la decisiva affermazione sulla PS è quello dei giochi di guida, a partire proprio dal best seller Gran Turismo, autentica icona del sottogenere che esso stesso ha in qualche modo creato e reso popolare, ma completato da Driver (2,85 milioni di copie), NFS 3: Hot Pursuit (1,7 milioni di copie), Test Drive 5 (1,08 milioni di copie) e Colin McRae Rally (1 milione di copie).

Tomb Raider

In realtà le ammiraglie della console furono i giochi della serie Tomb Raider, che divennero autentici fenomeni di costume, in grado di far uscire il personaggiodi Lara Croft dal mondo videoludico e farla diventare eroina del cinema, di stile e personaggio a 360° quasi una persona reale, raggiungendo un successo tale che potrebbe essere comparato con l’ubiquita di Pac-Man ai tempi del suo rilascio nel 1980 o di Super Mario. Un altro franchise di enorme successo sulla PS fu anche quello di Final Fantasy che conta ben 4 titoli con più di un milione di copie vendute: oltre al già citato FF VII, sono in clasifica FF VIII (7 milioni di copie), FF IX (5,08 milioni di copie) e FF Tactics (2,27 milioni di copie).

LSD Dreams Emulator

Aldilà dei grandi giochi e dei loro grandi numeri, la PS ebbe anche un grandissimo numero di giochi spesso sottovalutati ma assolutamente degni di nota: ne cito 5 e badate bene che sono solo la punta dell’iceberg. Gradius Gaiden, Rapid Reload, Alundra, Heart of Darkness e Clock Tower; menzione d’onore per uno dei giochi più strani della console, LSD Dream Emulator, lascio a voi il giudizio.

Pac-Man on Namco Museum Vol. 3

Con la PS1 trova compimento anche la moda, già in realtà iniziata su console precendenti come il Sega Master System, delle compilation a forte dose di nostalgia: l’esempio più lampante è la compilation Namco Museum, un compendio di eccezionale valore (che ha successo ancora oggi) i cui differenti volumi riscossero un gran successo: Il Volume 3 vendette 2,27 milioni di copie mentre il Volume 1 1,66 milioni di copie.

The legacy

The PlayStation was a planetary success, probably even bigger than Sony thought at the beginning. Roughly between the years of the success of the PS1 and of the PS2 we can say that the gaming world really changed and from something successful but still “for boys” became a mass phenomenon for every generation, with an impact comèparable maybe only with the release do the Atari 2600 in 1977. From that point on the video games world became  a “mature” market, with an unimaginable money trail that only 30 years ago seemed sheer folly and that will later evolve in the cultural phenomenon it is today.

Right in the middle of the long lifespan of the console (12 years, a record for a modern console), in 2000 the PSOne was released, a more compact and more round (and drop-dead gorgeous) version of the original console, to try to place on the market a lower-end product compared to the upcoming PS2.

A metà della lunga vita della console (12 anni, un record per una console moderna) nel 2000 fu lanciata la PSOne, versione più compatta e più rotonda (e bella da morire) della console originale, per cercare di piazzare un prodotto di fascia più bassa in relazione alla debuttante PS2.

The PS1 figures put to shame the competitors with its 102,5 millions units sold that made it the most successful console ever and one of the most profitable among Sony’s properties. The console was officially discontinued on March 23rd, 2006 when its heir, the PS2 was on the market since 2000. Sony looks like it never made a misstep: after the PS1 and the even more successful PS2 with its 155 millions units sold, came a small decline with PS3 (with “only” 87,4 millions units sold) and another success, still to be completed, with the PS4 and its 100+ millions units sold. The success of Sony led the company to release the PS4 500 millions, when the combined sales of all the company consoles reached the half billion milestone. Rumors about the PS5 are now a reality and the console is due to be relewsed in the second hald of 2020. We can imagine it will be another success.

La PlayStation fu un successo planetario di dimensioni probabilmente inimmaginabili all’inizio. Grosso modo negli anni tra il successo della PS1 e quelli della PS2 si può direche che il mondo dei videogiochi sia realmente cambiato e passato da essere un qualcosa sì di successo, ma ancora “da ragazzi” a fenomeno di massa e di costume per tutte le generazioni, con un impatto paragonabile forse al debutto dell’Atari 2600 nel 1977. Da lì in avanti quello dei videogiochi diventerà un mercato “maturo”, con un giro di soldi inimmaginabile solo 30 anni fa che evolverà al fenomeno di massa che è oggi.

A metà della lunga vita della console (12 anni, un record per una console moderna) nel 2000 fu lanciata la PSOne, versione più compatta e più rotonda (e bella da morire) della console originale, per cercare di piazzare un prodotto di fascia più bassa in relazione alla debuttante PS2.

I numeri della PS1 ridicolizzarono la concorrenza, con le sue 102,5 milioni di unità vendute che la resero la console di maggior successo di sempre e una delle proprietà più lucrose della Sony.  La console fu ufficialmente dismessa il 23 Marzo 2006, quando la sua erede, la PS2 era sul mercato già da 6 anni. Sony sembra non aver praticamente mai commesso passi falsi: dopo la PS1 e il successo ancora maggiore della PS2 (155 milioni di unità vendute), arrivò una leggera flessione sulla PS3 (“solo” 87,4 milioni di unità vendute) e di nuovo il successo, ancora da completarsi, della PS4 (più di 100 milioni di unità vendute). Il successo di Sony le ha permesso di commercializzare addirittura la PS4 500 million, allorquando le vendite di tutte le console Sony raggiunsero il mezzo miliardo. I rumors sulla PS5 sono ormai realtà e la console dovrebbe essere in uscita nella seconda parte del 2020. Immaginiamo sarà un altro successo.

Follow I ❤ Old Games on Facebook!

…and also I ❤ Old Games on Instagram!

2 Comments Add yours

  1. drjohngalt says:

    Reblogged this on Games With Galt and commented:
    The PS1 is my second favorite console to collect for (behind the PS2, of course). Happy Birthday!

    Liked by 1 person

  2. Gabe Holm says:

    Odd to think it’s been so long

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.